Analisi delle notizie: l’addio di Rutte alla politica significa la fine di un’era in Olanda

L’annuncio di Mark Rutte di lasciare la politica olandese è arrivato lunedì come una sorpresa assoluta, segnando l’inizio di una nuova era per il Paese che ha avuto lo stesso primo ministro dal 2010.

Venerdì è caduto il quarto governo di Rutte e lunedì Rutte avrebbe dovuto fornire una breve spiegazione prima di un dibattito alla Camera dei rappresentanti dell’Aia.

Si prevedeva un dibattito duro per Rutte, perché i partiti di opposizione Green Left (GroenLinks), Labour Party (PvdA) e Party for Freedom (PVV) avevano già annunciato il loro sostegno a una mozione di sfiducia contro Rutte.

Se la maggioranza appoggia la mozione di sfiducia, Rutte dovrebbe dimettersi immediatamente e non potrà, come intendeva, continuare a fare da primo ministro ad interim fino al giuramento di un nuovo governo dopo le elezioni, probabilmente da tenersi a novembre.

Rutte ha iniziato il suo intervento spiegando la caduta del governo. Ma alla fine, improvvisamente ha detto di voler condividere anche qualcosa di personale e ha annunciato il suo allontanamento dalla politica, dicendo che non sarà più disponibile come leader del suo Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia (VVD) alle prossime elezioni.

“Negli ultimi giorni ci sono state speculazioni su cosa mi avrebbe motivato”, ha detto Rutte. “L’unica risposta è l’Olanda. La mia posizione è completamente subordinata a quella. Domenica ho deciso che non sarò disponibile come leader per il VVD alle prossime elezioni”.

Abituati a Rutte che sopravvive a ogni crisi, i membri dei partiti di opposizione ei suoi partner di coalizione sono rimasti molto sorpresi dall’annunciata partenza. Per alcuni la decisione è arrivata troppo tardi, mentre altri hanno espresso il loro apprezzamento.

“Ho molto rispetto per il passo che sta compiendo ora, che ripristina la fiducia di poter guidare questo governo uscente durante il periodo fino alle elezioni”, ha dichiarato il leader di GroenLinks Jesse Klaver.

Caroline van der Plas, leader del movimento contadino-cittadino (BBB), l’ha definita una “decisione giusta” mentre la leader del Partito socialista Lilian Marijnissen ha affermato che la partenza è stata “buona per i Paesi Bassi”.

Il leader del PVV Geert Wilders ha elogiato Rutte: “Sono convinto che volesse il meglio per l’Olanda. Ho molto rispetto per quello che ha fatto in tutti questi anni”.

“Molte grazie per la vostra leadership e il vostro impegno sfrenato nei confronti del nostro Paese”, ha detto il vice primo ministro Sigrid Kaag. “In questi anni abbiamo lavorato a stretto contatto e bene insieme, cercando sempre di colmare le divergenze politiche nell’interesse del Paese. Molto rispetto per la tua decisione”.

La partenza di Rutte segna davvero la fine di un’era. Si è fatto avanti dopo aver guidato quattro governi dal 2010 come primo ministro. Era l’uomo che è sopravvissuto a ogni tempesta politica ed è sempre riuscito a tenere insieme le cose nei Paesi Bassi. Tuttavia, negli ultimi anni le capacità di sopravvivenza di Rutte sono diventate meno convincenti.

Durante la crisi del COVID-19 nel 2020, la sua popolarità ha raggiunto un picco assoluto, ma in seguito sono aumentate le critiche sulla sua indifferenza a volte apparente e sui poveri ricordi di determinate situazioni. Il suo terzo governo è crollato il 15 gennaio 2021, a seguito del cosiddetto scandalo fiscale sugli assegni familiari, in cui genitori innocenti sono stati ingiustamente accusati di frode.

Quando è stato formato il quarto gabinetto di Rutte, la sua posizione è stata seriamente messa sotto pressione per la prima volta all’inizio del 2021. È sopravvissuto di nuovo, ha rifiutato di fermarsi e ha iniziato il suo quarto regno.

Venerdì, il suo ultimo governo di coalizione, con il VVD, l’Appello Democratico Cristiano (CDA), i Democratici 66 (D66) e l’Unione Cristiana (CU) è caduto per un contenzioso sulla politica migratoria. In seguito, Rutte ha mostrato il suo solito ottimismo. Quando gli è stato chiesto se voleva essere il leader del partito VVD, Rutte ha risposto: “Se me lo chiedi ora, direi naturalmente di sì. Perché ho l’energia e le idee per farlo”.

Tre giorni dopo, ha comunque annunciato la sua partenza dalla politica. Nessuno lo aveva previsto e le esatte conseguenze sono ancora incerte. Il futuro di Rutte e quello del suo successore al VVD non sono chiari. Ciò che è chiaro è che l’annunciata partenza del primo ministro più longevo nella storia olandese cambierà molto il panorama politico dei Paesi Bassi.

(fonte: Xinhua)