Il fentanil è un problema esclusivamente americano e incolpano la Cina

Gli Stati Uniti sono l’unico paese al mondo che sta combattendo una grave epidemia di oppioidi, e sono decisi a incolpare la Cina.

L’abuso di oppioidi, in particolare di fentanil, negli ultimi anni ha superato la violenza armata e gli incidenti automobilistici diventando la principale causa di morte accidentale negli Stati Uniti.

Gli analisti hanno affermato che mentre ci sono fattori contrastanti dietro la crisi, Washington dovrebbe affrontare la propria incompetenza nel risolvere i problemi prolungati in gran parte “dalla sua stessa creazione”, derivanti da un’eccessiva prescrizione di farmaci antidolorifici legali, piani antidroga inadeguati e frammentari corrotti da scambi di interessi tra aziende farmaceutiche e politici.

DROGA A BUON MERCATO E ABBONDANTE

Il fentanil e i suoi derivati ​​sufentanil, alfentanil e remifentanil sono tutti farmaci sintetici a base di fenipiperidina, che sono agonisti sintetici dei recettori degli oppioidi.

Un antidolorifico per innumerevoli pazienti, il fentanil ha molti effetti collaterali. La droga è gradualmente diventata una minaccia per la sicurezza sociale negli Stati Uniti, una società a lungo afflitta dalla dipendenza e dall’abuso di oppioidi.

Le statistiche del Council on Foreign Relations di aprile hanno indicato che gli oppioidi, principalmente il fentanil, sono la principale causa di decessi per overdose negli Stati Uniti, che sono quasi quadruplicati negli ultimi dieci anni per i quali i dati sono completamente disponibili. Nel 2021, il bilancio delle vittime è salito a 80.411, più di 10 volte il numero di membri del servizio militare statunitense uccisi nelle guerre post-11 settembre in Iraq e Afghanistan.

Ci sono state tre ondate di abuso di oppioidi nella società statunitense, con il fentanil che è stato il “protagonista” della terza ondata.

La prima ondata è iniziata intorno al 1991, quando alcune aziende farmaceutiche hanno investito molto per finanziare esperti e organizzazioni per promuovere l’innocuità degli oppioidi, facendo pressione sui medici affinché li prescrivessero indiscriminatamente e sulle farmacie affinché li vendessero in modo aggressivo.

Da un lato, questa pratica ha portato alla formazione di una “cultura antidolorifica” nella società americana, in cui le persone erano abituate a utilizzare antidolorifici come modo sintomatico ma non curativo per affrontare le malattie. D’altra parte, allora ha portato a un forte aumento della prescrizione di oppioidi e il numero di decessi causati da oppioidi è aumentato notevolmente. L’esempio più tipico è OxyContin, un farmaco sviluppato dalla società farmaceutica statunitense Purdue Pharma. Dal 1999 al 2017, un totale di 200.000 americani sono morti per overdose correlata a OxyContin e altri oppioidi da prescrizione. Alla fine, Purdue Pharma è stata citata in giudizio.

La seconda ondata è iniziata intorno al 2010. Poiché le pillole di oppioidi sono diventate più difficili da ottenere costantemente sia su prescrizione che per strada, i consumatori di droga, in particolare i giovani e i nuovi consumatori, sono passati all’eroina.

La presa di questa droga insidiosa è stata alimentata dalla sua potenza, accessibilità e convenienza. Dal 2002 al 2013, i decessi per overdose correlati all’eroina sono aumentati del 286%. Uno studio del 2013 ha mostrato che circa l’80% dei consumatori di eroina ha riferito di una precedente dipendenza da oppioidi da prescrizione. Dopo che il fentanyl è entrato nel mercato, la sua ubiquità ha fatto sì che molti utenti ignari rischiassero di essere uccisi dalle droghe.

La terza ondata è guidata principalmente da oppioidi sintetici, principalmente fentanil prodotto illegalmente. Il fentanil, fino a 50 volte più forte dell’eroina e 100 volte più forte della morfina, è diventato la nuova vacca da mungere dell’industria delle droghe illecite.

Gli spacciatori mescolano fentanil più economico con eroina o pillole contraffatte per aumentare i profitti e ridurre i rischi di trasporto, il che significa che molti pazienti hanno sviluppato un disturbo da uso di fentanil senza la minima conoscenza. La conseguenza? Un’allarmante ondata di morti per overdose correlate al fentanil.

Ogni ondata dell’epidemia di overdose di droga è guidata da sostanze più economiche e più potenti. La comunità di ricerca avverte che Wave Four è caratterizzata da un’overdose di fentanil unita a problemi di salute mentale.

In modo più allarmante, con l’uso di fentanyl in aumento vertiginoso, le vittime degli oppioidi stanno cambiando. Negli Stati Uniti, la droga uccide in modo sproporzionato, con i neri che subiscono un tasso di morte più elevato rispetto ai bianchi e quelli di età inferiore ai 45 anni sono i più colpiti, secondo Bloomberg.

LA RISPOSTA DI WASHINGTON

Ora l’epidemia sta provocando il caos sull’economia e sulla forza lavoro degli Stati Uniti, ma Washington, sebbene ne sia pienamente consapevole, sembrava a corto di intelligenza su come risolverlo fondamentalmente, se non disinteressato.

Senza investire risorse sufficienti nell’aiutare i pazienti, il governo degli Stati Uniti ha lasciato centinaia di migliaia di cittadini in balia di nuovi e più farmaci, condannati a subire tragedie ricorrenti.

Secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), 107.375 persone negli Stati Uniti sono morte per overdose e avvelenamento da droghe nel periodo di 12 mesi terminato nel gennaio 2022, con uno sbalorditivo 67% di loro che coinvolgeva oppioidi sintetici come il fentanil .

“Questo è il prezzo del liberalismo. La società ha bisogno di regole e regolamenti e devono essere applicati”, ha detto un netizen britannico di nome BugKhan di Bradford.

Il presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador ad aprile ha messo in dubbio la strategia degli Stati Uniti contro la crisi del fentanil, affermando che si basava su “palliativi” invece di affrontare la radice del problema.

Dietro una risposta fallita da parte delle precedenti amministrazioni statunitensi e dell’attuale amministrazione Biden c’è un sofisticato tessuto istituzionale che ha a lungo logorato gli sforzi per affrontare le radici dei problemi sociali.

In primo luogo, i politici statunitensi si inchinano alla politica monetaria.

Le considerevoli donazioni politiche da parte delle aziende farmaceutiche richiedono loro di chiudere un occhio quando formulano politiche di controllo per i farmaci correlati.

Ironia della sorte, gli Stati Uniti, un importante paese di materie prime chimiche, non hanno ancora programmato in modo permanente le sostanze correlate al fentanil.

Al contrario, la Cina ha preso l’iniziativa includendo l’intera categoria di sostanze correlate al fentanil in un elenco normativo controllato già nel maggio 2019, un passo favorevole alla prevenzione della produzione illecita, del traffico e dell’abuso della sostanza.

Come riportato dal quotidiano britannico The Guardian nel 2017, le aziende farmaceutiche negli Stati Uniti hanno speso molto più di qualsiasi altra industria per influenzare i politici. “Negli ultimi dieci anni i produttori di farmaci hanno versato quasi 2,5 miliardi di dollari USA in attività di lobbying e finanziamento di membri del Congresso”.

Inoltre, nove membri su 10 della Camera dei Rappresentanti e tutti tranne tre senatori su 100 hanno “ricevuto contributi elettorali da aziende farmaceutiche che cercano di influenzare la legislazione su tutto, dal costo dei farmaci a come vengono approvati i nuovi farmaci”.

Inoltre, i rappresentanti medici, che svolgono un ruolo molto importante nel sistema medico statunitense, fanno pressioni sui medici affinché prescrivano farmaci mediante lezioni e finanziamenti, dando origine a più dipendenze.

In secondo luogo, la polarizzazione politica ostacola il controllo della droga.

Sebbene entrambe le parti ammettano di dover affrontare l’abuso di fentanil poiché il problema sta diventando sempre più fuori controllo negli Stati Uniti, si sono inciampate a vicenda e hanno bloccato i progressi.

A maggio, la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti guidata dai repubblicani ha approvato l’Halt All Lethal Trafficking of Fentanyl Act con 289 voti contro 133 che ha visto 132 democratici opporsi al disegno di legge, anche se la Casa Bianca ha espresso il suo sostegno.

Il controllo della droga richiede ingenti finanziamenti e un piano dettagliato. Non è stato fatto alcun progresso nella guerra contro la droga iniziata negli anni ’70 poiché le due parti si sono trattenute a vicenda. La situazione è peggiorata quando negli Stati Uniti sono stati registrati più decessi per overdose correlati al fentanil.

I politici americani sanno bene che questa crisi del fentanil è stata innescata da vari fattori tra cui la politica interna, l’economia e le divisioni sociali. Non si è sviluppato dall’oggi al domani, né può essere risolto dall’oggi al domani.

Tuttavia, Washington trova molto più facile incolpare la Cina per la propria supervisione inadeguata sul fentanil quando il problema è essenzialmente guidato dalla domanda e un prodotto del fallimento istituzionale degli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti devono riflettere su se stessi, rafforzare la regolamentazione e il controllo dei farmaci da prescrizione a casa, intensificare le campagne di sensibilizzazione pubblica sui danni dei narcotici e ridurre la domanda interna di droghe, invece di diffamare e screditare altri paesi, come fanno tali atti irresponsabili non va bene per gli sforzi globali contro la droga. Né possono aiutare gli Stati Uniti a riparare l’intrattabile flagello in patria.

(fonte:Xinhua)