Imprese, ‘Fattore R’: la Romagna ha fatto sistema sull’innovazione

Economisti, imprenditori, istituzioni: davanti una platea di oltre 300 persone si sono confrontati sul tema dell’innovazione nella settima edizione di Fattore R, il Romagna Economic Forum ospitato quest’oggi (venerdì 20 ottobre) in Fiera a Cesena, promosso dalle Camera di Commercio (Romagna e Ravenna e Ferrara), Cesena Fiera e Bper Banca, con il supporto e la collaborazione di Legacoop Romagna, CNA Romagna, Confartigianato, Confindustria Romagna. Tutti hanno convenuto che è sull’innovazione che si gioca presente e futuro di un territorio, tanto più in un’epoca come l’attuale contrassegnata da una spinta al cambiamento accelerata dall’avvento delle nuove tecnologie e dai mutamenti climatici.

Secondo Carlo Battistini, presidente Camera di Commercio della Romagna: “Le Camere di commercio della Romagna sostengono le imprese nei processi di digitalizzazione ed innovazione. Perché l’innovazione è l’elemento che ti permette di fare meglio ciò che hai fatto sempre abbastanza bene, migliora la produttività delle imprese e favorisce la crescita quantitativa e qualitativa del sistema economico. Le nostre imprenditrici e i nostri imprenditori possono elevare la loro funzione sociale di presidio e sviluppo del territorio ed essere i motori dell’innovazione, che passa anche e soprattutto dalla continua valorizzazione del proprio capitale umano. E noi ci siamo, per accompagnarle e aiutarle in questo percorso, ripensando ed innovando i nostri servizi, consapevoli della grande sfida che il cambiamento impone a tutti gli attori del sistema”, ha sottolineato.

Per Giorgio Guberti, presidente Camera di Commercio Ferrara e Ravenna. “Nonostante le tante difficoltà di questi ultimi mesi (alluvione, mutamenti del clima…) la Romagna ha dato grande prova di resilienza. In questa realtà caratterizzata da una estrema volatilità investire sull’innovazione è fondamentale per la crescita di un territorio. In soli cinque anni sono raddoppiati i dispositivi mobili arrivati alla cifra di 42 miliardi, con una previsione di 75 miliardi in pochi anni. Questo dà l’idea di come i sistemi digitali siano sempre più strategici, interessando trasversalmente tutti i settori. La Romagna storicamente ha sempre avuto una spiccata propensione all’innovazione per caratteristiche culturali, sociali ed economiche. Tra le sfide che abbiamo davanti c’è l’investimento sui giovani, la riforma della pubblica amministrazione e una sterzata sulla zona logistica semplificata”, cha concluso.

Stefano Vittorio Kuhn, chief retail & commercial banking officer di BPER Banca ha sottolineato che “BPER Banca vuole essere partecipe dell’innovazione sia stando al fianco delle aziende romagnole che vogliono seguire la strada della modernizzazione, sia fornendo supporto e strumenti adeguati, sia agendo sulla velocità di esecuzione e sulla capacità di intercettare le esigenze imprenditoriali. Per questo motivo, ci presentiamo oggi ai clienti con servizi in grado di supportarli in tutti gli aspetti del business: abbiamo una struttura commerciale solida che si evolve continuamente, composta da specialisti preparati sulle opportunità offerte dai bandi, sui finanziamenti agevolati, sulla sostenibilità. Abbiamo inoltre un servizio appena costituito di Agri Banking e un portale completamente aggiornato, bperestero.it, dedicato alle aziende che vogliono seguire un processo di internazionalizzazione”, ha rimarcato.

Per Lorenzo Tersi Consigliere Cesena Fiera con delega a Fattore R: “E’ stata una grande giornata per la Romagna che ha fatto sistema intorno a un tema centrale per il suo futuro come l’innovazione. Tanti sono gli spunti lanciati per la crescita con un’ottica da un quadro internazionale, nazionale e locale insieme a illustri economisti, imprenditori e istituzioni. Quello che è emerso è la consapevolezza cha tutti insieme possiamo affrontare le sfide per il futuro della Romagna”.

(adnkronos)