La medicina tradizionale cinese diventa globale

(XINHUA) – PECHINO, 03 OTT – La studentessa camerunense Anne Praxede, che dal 2016 studia all’Università di Medicina Cinese dello Jiangxi, nell’omonima provincia orientale cinese, spera di imparare di più sulle sue pratiche terapeutiche, compresa l’agopuntura, la terapia della coppettazione e la moxibustione.
Yu Wei, ricercatore del Ganjiang Chinese Medicine Innovation Center, ha spiegato che la provincia dello Jiangxi è noto per la sua storia millenaria di medicina tradizionale cinese e per la solida base del suo sviluppo.

Il centro sta conducendo esperimenti utilizzando l’anidride carbonica allo stato supercritico per estrarre i componenti dalle piante medicinali.
Per Anne, che insieme ad altri 1.100 studenti universitari stranieri provenienti da 32 Paesi e regioni studia all’Università di Medicina Cinese dello Jiangxi, è la prima volta che assiste all’estrazione di piante medicinali.
Tu Zhitao, capo della Beijing Administration of Traditional Chinese Medicine, sostiene che rafforzare lo scambio di talenti e promuovere le tecnologie accelererà l’internazionalizzazione della medicina tradizionale cinese e suggerisce di migliorare la localizzazione del personale del settore e la crescita della fitomedicina all’estero.