Le economie emergenti preoccupate per l’egemonia del dollaro USA

I Paesi in via di sviluppo sono sempre più preoccupati per il predominio del dollaro USA nel sistema finanziario globale e stanno adottando misure per affrontare il problema, secondo un analista.

Il problema non è il dollaro in sé, ma gli Stati Uniti che esercitano il dollaro come strumento di influenza, ha detto a Xinhua Sant Manukyan, analista di Is Yatirim, il ramo di investment banking di Isbank Group a Istanbul, in una recente intervista.

BRICS, un gruppo di economie emergenti, sta agendo. Secondo i resoconti dei media, i colloqui sulla creazione di una moneta unica all’interno del blocco saranno tra i temi del vertice, che si terrà dal 22 al 24 agosto in Sudafrica.

“Prima della riunione dei BRICS, abbiamo sentito che l’alleanza avrebbe lanciato la sua valuta, un’alternativa al dollaro USA. Tali informazioni hanno creato molta eccitazione in Türkiye, come è avvenuto in altre parti del mondo”, ha detto Manukyan.

Tuttavia, ha aggiunto che i BRICS hanno ancora molta strada da fare perché ciò accada.

“Non dobbiamo dimenticarlo: il ruolo del dollaro non si limita all’uso delle valute locali quando si scambia un prodotto A con B”, ha affermato l’esperto. “L’importanza del dollaro è molto alta anche nel mercato assicurativo. Quando noleggi un’autocisterna, la noleggi in dollari. Pertanto, il dominio del dollaro continuerà per un po’ se guardiamo al commercio complessivo”.

Manukyan ha anche sottolineato l’importanza di istituire una banca centrale comune, come la Banca centrale europea nell’Unione europea.

“Devi avere una banca centrale comune come fa l’Unione Europea e prendere decisioni congiunte perché la decisione sui tassi di interesse e la politica monetaria richiesta per la Cina o la politica monetaria richiesta per il Brasile o il Sudafrica sono completamente diverse”, ha detto.

“Ma quello che stanno cercando di fare qui è in realtà cercare di sviluppare un sistema di pagamento alternativo. Può essere possibile? Certo”, ha aggiunto l’esperto.

I BRICS, un blocco di economie emergenti che comprende Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa, rappresentano circa il 40% della popolazione mondiale e circa il 25% dell’economia globale.

(Xinhua)