Meditazione Reiki

All’inizio del mio viaggio di guarigione anni fa, ho iniziato a pormi la domanda: “Chi sono io?” Mentre continuavo a fare la domanda, la risposta variava, a seconda della fase della mia vita. Sono una donna, una moglie, un’americana, una madre, un’insegnante, una gran lavoratrice, una brava persona, una persona cattiva, una donna divorziata, un genitore single, un disastro in menopausa e l’elenco potrebbe continuare. La cosa più importante che ho scoperto di me stesso è stata che avevo una lunga lista di cose che ho fatto , ma che non potevo davvero mettere il dito su chi ero  stato, ero, sarei stato . Come si fa mi chiedevo? Che “Sé” stavo cercando? Come potevo “trovarlo”?

Mi stavo imbarcando in un percorso tortuoso di spiritualità, se vuoi, ed è incredibile come la cosa giusta continuasse a mostrarsi per me proprio al momento giusto, una volta che mi ero aperto ad essa. Ho iniziato a leggere i testi dei Maestri, e la cosa che mi ha colpito è che tutti raccomandavano la meditazione come stile di vita.

Ho frequentato workshop, ho parlato con gli amici del mio viaggio e sono andato al college. Attraverso un gruppo di meditazione a cui appartenevo ho conosciuto un lettore intuitivo. Durante una sessione con lei, ho descritto alcune delle cose che avevo imparato sull’energia e le aure. In particolare le ho detto come potevo vedere l’energia di mio figlio fluire via dalla sua gamba dopo un grave infortunio durante una partita di calcio. Le ho detto che chiudevo gli occhi e trovavo la pace dentro di me e poi avrei messo le mani vicino alla ferita. Le ho detto che le mie mani si sarebbero scaldate davvero e mio figlio ha detto che quello che stavo facendo lo stava facendo sentire meglio.

Mi ha detto che quello che stavo facendo era meditare e dare a mio figlio “Reiki”, e ha detto: “Vai ad allenarti!” Uno dei miei amici è un Usui Reiki Master e sono andato da lei per l’addestramento. Oh! Che esperienza! Seppi allora che questo era ciò che dovevo fare. Improvvisamente avevo un vocabolario per le cose che avevo fatto per quella che sembrava tutta la mia vita! E mi ha fatto sentire meraviglioso aiutare le altre persone. Alla fine ho imparato tutti i livelli di Reiki con William Lee Rand all’International Center for Reiki Training nel Michigan.

Avevo iniziato a meditare e fare Reiki senza saperlo, ma ora che avevo la formazione, ho deciso di perseguire questa combinazione con uno scopo più grande. Mentre lo facevo, ho trovato pace, forza e amore, che si sono tradotti in un livello più profondo di comprensione di me stesso. Il processo è stato felice e ho scoperto che potevo andare molto più a fondo in me stesso che mai. Mentre continuavo con questo processo, ero stupito che la risposta a una domanda oa un problema scottante mi arrivasse da sola durante o dopo una sessione di meditazione Reiki.

Cos’è la meditazione? 
La meditazione può essere definita come riflessione o contemplazione allo scopo di raggiungere un elevato senso di consapevolezza spirituale. Buddha disse: “La meditazione porta saggezza; la mancanza di meditazione lascia l’ignoranza. Sappi bene cosa ti porta avanti e cosa ti trattiene, scegli il sentiero che porta alla saggezza”.

Il filosofo britannico Alan Watts scrive: 
Potremmo dire che la meditazione non ha una ragione o non ha uno scopo. Da questo punto di vista è diverso da quasi tutte le altre cose che facciamo tranne forse fare musica e ballare. Quando facciamo musica non lo facciamo per raggiungere un certo punto, come la fine della composizione. Se questo fosse lo scopo della musica, ovviamente i musicisti più veloci sarebbero i migliori. Inoltre, quando balliamo non miriamo ad arrivare in un punto particolare della pista come in un viaggio. Quando danziamo, il viaggio stesso è il punto, come quando suoniamo la musica il gioco stesso è il punto. Ed è esattamente la stessa cosa nella meditazione. La meditazione è la scoperta che il punto della vita si arriva sempre nell’istante immediato.

Che cos’è il Reiki Il
Reiki è una pratica curativa somministrata mediante l’imposizione delle mani. Dopo aver seguito un corso e aver ricevuto una sintonizzazione, si è in grado di incanalare l’energia vitale guidata spiritualmente in se stessi o negli altri. I benefici includono il rilassamento e la riduzione dello stress che favorisce anche la guarigione. Anch’esso può portare a meravigliosi stati dell’essere, inclusi sentimenti di gioia, pace e armonia.

Benefici della meditazione Reiki
I numerosi benefici del Reiki e della meditazione sono ben documentati. Combinare Reiki e meditazione unisce il valore di queste due meravigliose pratiche allo stesso tempo; ciascuno migliora l’altro e porta a un’esperienza maggiore rispetto a se praticato separatamente. La meditazione Reiki mi porta a un livello spirituale più elevato, mi sento più felice e mi aiuta ad essere più organizzata e concentrata. Mi ha anche aiutato a conoscere me stesso e quanto può essere felice e divertente la vita. I suoi effetti positivi toccano tutti i livelli: fisico, emotivo, mentale e spirituale.

Meditazione Reiki
Ci sono molti modi per combinare Reiki e meditazione. Eccone uno semplice, sano e divertente.

  1. Preparati per la meditazione Reiki prestando attenzione alla stanza o all’area in cui intendi meditare. Assicurati che sia pulito, confortevole e a una temperatura uniforme. Prestare attenzione all’atmosfera del luogo; potresti voler accendere una candela o un incenso e aggiungere un po’ di musica soft. Se vuoi ripulire lo spazio, una tradizione dei nativi americani è usare la salvia o l’erba dolce e “sbavare” bruciandone un po’ e usandola per eliminare l’energia negativa nella stanza. Un’altra idea è quella di creare un altare con alcuni oggetti personali come cristalli, rocce, una foto di Usui Sensei, opere d’arte, simboli, fontana, pot-pourri, ecc.
  2. Trova un posto comodo dove sederti o sdraiarti. Una posizione comoda per la meditazione è sedersi su una sedia comoda. Fai tre respiri lunghi e profondi e recita una preghiera ringraziando per la pace e l’armonia che stai per sperimentare.
  3. Disegna il simbolo della guarigione a distanza, il simbolo emotivo/mentale e il simbolo del potere sulle tue mani. Quindi metti le mani sulle gambe o in un posto comodo e permetti al Reiki di fluire.
  4. Quando il Reiki inizia a fluire, inizia a prestare attenzione ai tuoi pensieri e permetti loro di rallentare.
  5. Quindi inizia a concentrarti sul tuo respiro e su come si sente il tuo corpo. Cerca le aree di tensione. Mentre ti concentri su di loro, si riempiranno di energia Reiki e si rilasseranno. Continua a farlo finché tutto il tuo essere non è rilassato e pieno di Reiki.
  6. Concentrati sullo spazio calmo e chiaro che continua a svilupparsi dentro di te. Se sorgono pensieri, allontanali delicatamente e riporta la mente alla pace interiore.
  7. Termina la meditazione facendo tre respiri profondi e facendo un po’ di stretching leggero.
  8. Medita per 10-30 minuti una o due volte al giorno. Man mano che pratichi questa meditazione Reiki, diventerà più piacevole e ti ritroverai ad andare più a lungo poiché il tempo inizierà a passare più facilmente.
  9. La pace e la chiarezza che provi durante la meditazione continueranno per tutto il giorno. Questo stato benefico ti consentirà di vivere la vita in modo più sano e di acquisire una visione più profonda di te stesso e degli altri.

Spero che tu prenda il tempo per praticare la meditazione Reiki poiché credo che sarai riccamente ricompensato con una maggiore pace e un senso più profondo di chi sei.

( Articolo di Jan Kendall per Reiki News Magazine )