Mons. Viganò: “Vi svelo i piani infernali dell’élite globalista”

Monsignor Viganò, già Nunzio Apostolico negli Stati Uniti d’America e Patrono di “Exsurge Domine”, da anni in prima linea nel lanciare accuse contro i poteri forti che, a suo dire, starebbero portando avanti una precisa agenda che mirerebbe a sovvertire l’ordine costituito in nome di un potere praticamente illimitato di vita e di morte che l’élite globalista avocherebbe a se e ai suoi sodali attraverso una riduzione della popolazione mondiale e ad un controllo totale dei popoli, attraverso i suoi canali social lancia nuove e pesantissime accuse.

“I piani infernali dell’élite globalista – che abbiamo visto essere intrinsecamente malvagi – sono anche coerenti tra loro, perché mossi dall’odio dell’Avversario per Cristo. il progetto di Bill Gates per oscurare il sole e vaccinare la popolazione mondiale; Il piano di Soros di invadere i paesi occidentali con orde di musulmani e minare la famiglia naturale finanziando i movimenti woke e LGBTQ; il piano di Klaus Schwab per costringerci a mangiare insetti o confinarci in “città intelligenti” di 15 minuti; Il piano di Harari per cancellare l’idea di un Dio trascendente e comporre una Bibbia “politicamente corretta”; il piano del deep state per centralizzare il controllo dei cittadini attraverso l’identificazione digitale, la moneta elettronica e la manipolazione del voto”, afferma Mons. Viganò.

“Il piano di Bergoglio di trasformare la Chiesa in un’agenzia dell’Onu e del World Economic Forum – nessuno di questi è un progetto completamente separato portato avanti autonomamente e senza alcuna relazione tra di loro. In tutto ciò che è accaduto negli ultimi decenni in forma più sotterranea – e più recentemente in modo evidente – si intravede una mens, un’intelligenza capace di organizzarsi in modo che appare infallibile e inarrestabile. Perché bisogna ammetterlo: chi ha costruito questa macchina infernale, in cui tutti gli ingranaggi sembrano incastrarsi alla perfezione, dimostra un’intelligenza superiore, angelica, anzi, satanica”, conclude l’Arcivescovo esortando tutti a non abbassare la guardia e ad unirsi per combattere quello che non esita a definire il Male assoluto.